Content Image

Content Image

Le tecnologie a disposizione per proteggere efficacemente ambienti piccoli o di grandi sono svariate: sistemi filari, via Radio e misti, copertura perimetrale e volumetrica, protezioni da interno ed esterno, collegamento alla linea GSM, controllo del sistema antintrusione da telefono cellulare, da computer in remoto e molto altro ancora.

La capacità di un impianto antintrusione di sventare realmente un attacco sta nella progettazione del sistema stesso: non basta solo usare prodotti di ottima qualità, ma é fondamentale anche la scelta di caratteristiche dell’impianto adeguate al prodotto da proteggere e loro installazione seguendo la regola dell’arte nei punti strategici.

Ricordiamo che, in Italia, i sistemi antifurto e antintrusione sono regolamentati da normative che fanno capo al DM 37/2008, che definisce l’obbligo di rilascio della “dichiarazione di conformità alla regola dell’arte“.

Per regola dell’arte si intende quindi un’esecuzione che segua questi riferimenti normativi:

  • CEI 79-1 / 79-2 Apparati
  • CEI 79-3 Impianti filari
  • CEI 79-16 Impianti senza fili
  • CEI 79-10 Impianti TVCC

oltre ad una serie di direttive e prescrizioni settoriali per il settore di riferimento.

Il cliente (o committente) è quindi responsabile con l’installatore della violazione e della non applicazione della legge sopra citata; per cui non affidatevi alle persone non qualificate professionalmente!